I Vini

I nostri vini, tipici del territorio DOC “Colli Altotiberini” dell’Umbria, nascono dall’amore dei nostri esperti, che ne dirigono ogni aspetto della produzione. Dalla gestione delle vigne alla raccolta, dalle fasi di fermentazione all’affinamento, ogni passo è seguito da un’attenzione materna che si trasmette nel prodotto finito.
La nostra filosofia di produzione ci spinge ad una stretta collaborazione continua con madre natura, portandoci ad invadere il meno possibile le vigne, al fine di ottenere una materia prima che sia la più pura possibile e che rifletta al meglio le proprie caratteristiche nei vini.
E’ da tutto questo che prendono vita i nostri tre vini: il Macinaia, un’unione di chardonnay e grechetto  che si presenta al gusto molto fresco, pulito, elegante e di buon corpo; il Calcinaio, prodotto da uve sangiovese, che generano un gusto di una freschezza meravigliosa, fragrante, suadente, con una spiccata acidità, ma di una bellissima armonia gustativa; e infine Rondolaio, un cabernet sauvignon che fa sentire i suoi muscoli e la sua elegante complessità, mantenendo magistralmente un ottimo equilibrio ed un piacevolissimo finale lungo e persistente.

Macinaia

Calcinaio

Rondolaio

L’Azienda

I Conti Salvatori entrano in possesso della Tenuta Coltavolino nel 1695. I fratelli Orazio e Giuliano Salvatori, dopo aver combattuto al fianco dell’ Imperatore Leopoldo I d’Asburgo contro gli Ottomani, ottennero, per meriti di guerra, i territori di Coltavolino e Montacutello e il titolo di Conti del Sacro Romano Impero.

Oggi l’Azienda si sviluppa su 430 ettari tra seminativo, pascolo, bosco, oliveto e vigna; e al suo centro sorge una splendida villa padronale della quale si hanno attestazioni storiche già a partire dal XIII secolo.
Nei sotterranei della villa sono situati i locali della cantina antica dove la temperatura costante e l’alta umidità rendono perfette le condizioni di affinamento dei vini.

La tradizione vitivinicola della Tenuta viene tramandata di generazione in generazione fin dal 1700 e i suoi vini erano già rinomati alla fine del ‘800, come attestano i premi presenti nell’archivio storico.
Nel 2008 sempre due fratelli, Riccardo e Alberto Salvatori, decidono di mettersi in gioco iniziando con passione e dedizione un processo di rinnovamento che porterà nel 2016 alla nascita di “Conti Salvatori”.
L’idea è quella di portare nel presente tutta la storia, la tradizione e la vocazione secolare di questo territorio, producendo vini che puntino alla massima qualità.